Sulle epigrafi di Otacilia Secundilla scoperte a Rudiae

Come anticipato nel precedente post, nel corso degli ultimi scavi a Rudiae, ai piedi dell’aditus meridionale dell’anfiteatro -lì dove doveva esserci l’arco di ingresso-, sono stati rinvenuti i frammenti in marmo di una epigrafe in latino.

Tali frammenti, tutt’ora in fase di studio e restauro, sono stati pubblicati nell’opuscolo(1) distribuito l’ 8 Febbraio scorso al termine della conferenza, tenuta dall’emerito Prof. D’Andria,  “Rudiae e il suo anfiteatro” presso l’open-space del Comune di Lecce.

I frammenti della seconda epigrafe di Otacilia Secundilla (Fonte: Rudiae e il suo anfiteatro (1))

I frammenti della seconda epigrafe di Otacilia Secundilla (Fonte: Rudiae e il suo anfiteatro (1))

Sulla base di quanto riportato nella analoga epigrafe, scoperta nel XVI secolo, di cui ci parla l’Infantino(2) (1581-1636), poi inserita dal Mommsen nel Corpus delle iscrizioni latine (CIL):

OTACILIA M(arcus) F(ilia) SECUNDILLA AMPHITEATRUM RE.P.R

Mi azzardo a proporre la seguente ricostruzione (anche se parziale):

Proposta di lettura della seconda epigrafe di Otacilla Secundilla

Proposta di lettura della seconda epigrafe di Otacilla Secundilla

Anche qui pertanto ritroviamo la formula “Otacilia Marcus Filia Amphiteatrum”, in particolare:

OT[ACILIA] M(arcus)

[F]ilia [A]MP[HITHEATR]UM

[…]INION[…MA]TRON[A]?

[…]ONO […………..]TOSAP[…]

[S]ECUND[ILLA] […] CNPO […]

A[……]NPERR[…]

Probabilmente la lettura è abbastanza azzardata poichè moltissime sono le lacune… tuttavia mi sono divertito a provare a leggere ciò che si scrisse sull’ingresso dell’anfiteatro della città natale di Quinto Ennio! 😉

[Edit:] Grazie ai commenti del Prof. Gensini riportiamo di seguito una ricostruzione più completa della suddetta epigrafe:

Ricostruzione della epigrafe all'ingresso dell'anfiteatro di Rudiae

Ricostruzione della epigrafe all’ingresso dell’anfiteatro di Rudiae

Bibliografia:

(1) “Rudiae e il suo anfiteatro”, a cura di Francesco D’Andria, Comune di Lecce 2016 – ISBN: 979-12-200-1561-5

(2) “Lecce Sacra”  di D. Giulio Cesare Infantino – P. Micheli, 1634

Potrebbero interessarti anche...

13 Risposte

  1. Paolo ha detto:

    Aggiungo che nella parte bassa del primo frammento centrale a sinistra si intravede il principio di una “H” che insieme alla seguente “ONO” potrebbe portar ad un [H]ONO[R?…]. Ricapitolando:

    OT[ACILIA] M(arcus)

    [F]ilia [A]MP[HITHEATR]UM

    […]INION[…MA]TRON[A]?

    [H]ONO [R?………..]TOSAP[…]

    [S]ECUND[ILLA] […] CNPO […]

    A[……]NPERR[…]

  2. Paolo Gensini ha detto:

    Interessante, perchè di un’iscrizione OTACILLA SECVNDILLA / AMPHITEATRVM … aveva già dato notizia Scipione de’ Monti (è nel CIL). Notare che Otacilia era anche il nome della moglie di Filippo l’Arabo, ma questa iscrizione sembra più antica (forse I secolo d.C.?).

  3. Paolo Gensini ha detto:

    Aggiungo un secondo commento, legato alla posizione dell’inizio della linea in basso: se come probabile era centrata sull’asse del testo, manca probabilmente a destra circa metà della tavola, e la prima linea è da restituire OTA[CILI]A M[. F. SECVNDILLA]. Mi trovano d’accordo le altre osservazioi dell’amico Cavone.

  4. Paolo Gensini ha detto:

    Il frammento con l’inizio di l.2 va leggermente spostato a sinistra.

  5. Paolo Cavone ha detto:

    Molte grazie Prof. Gensini per i suoi preziosi contributi e ..correzioni! 😉

    • Paolo Cavone ha detto:

      In effetti anche i frammenti in basso a sinistra andrebbero leggermente ruotati in senso orario per allineare il tutto…speriamo nella precisione dei restauratori del M.U.S.A. dove verranno esposti tutti gli ultimi reperti provenienti da Rudiae, così come ci ha anticipato il Prof. D’Andria nell’ultima conferenza in merito.

  6. Paolo Gensini ha detto:

    pero’ e’ AMPHITHEATRVM la dizione corretta (se si salta una H non tornano le misure!). Per me era
    OTA[cili]A . M [. f . secvndilla]
    AM[phitheat]RVM [ … … … ]
    IN [h]ON[ore pa]TRON[ae … ]
    HONO[res da]TOS A P[opvlo et decvrionibvs?]
    [s]ECVND[illae] CN PO[mponii? … vxori]
    A[— i]N PERP[etvvm? … ]

    • Paolo Cavone ha detto:

      Ops…Ho aggiunto la “H” di AMPHITHEATRVM 😉
      Eccezionale la sua lettura!
      L’ipotesi che quanto ritrovato corrisponda a circa la metà della larghezza originale della lastra di marmo ben si sposa col fatto che i frammenti sono stati trovati sotto l’arco dell’ingresso meridionale dell’anfiteatro che ha una larghezza di circa 2,5/3 metri e considerata l’unità di misura indicata nella foto si può stimare una larghezza completa di 2 x 7,5 x 15cm = 225 cm !

  7. Paolo Cavone ha detto:

    Aggiungo in calce al post la ricostruzione aggiornata alla luce degli ultimi aggiornamenti proposti dal Prof. Gensini, per evidenziare lo specchio epigrafico completo e… quanto ancora rimane da scoprire! 🙂

  8. Paolo Gensini ha detto:

    L’Infantino non e’ la fonte piu’ corretta per l’altra iscrizione, quella gia’ trovata alla fine del Cinquecento: gia’ il Mommsen osservava che la fonte migliore era il Marciano — a p. 502 dell’edizione napoletana — che probabilmente aveva visto davvero il marmo a casa del dottor Priuli e che ne da’ come origine proprio Rudiae, mentre l’Infantino parla di un sito piu’ meno presso la caserma Massa, dove non e’ stato trovato nulla al di fuori dei resti del convento francescano trasformato in caserma dopo il 1861.

    • Paolo Cavone ha detto:

      Grazie per lo spunto, tuttavia riporto per completezza quanto scritto da Giulio Cesare Infantino (1581-1636) nella sua “Lecce sacra”:

      Fuori le mura della Città di Lecce, e propriamente nel Parco, è l’antica, e Regia Cappella di S. Giacomo Apostolo, Protettore delle Spagne: la qual Cappella in questi ultimi anni, cioè nel 1610 fù conceduta insieme con un giardino, e parte delle stanze a’ Padri Scalzi di San francesco, i quali hoggi vi dimorano, havendo dato buon principio alla fabrica de’ loro Chiostri. E Cappella assai divota, massime dapoi che i detti Padri vi vennero ad habitare, per essere molto assidui alle confessioni, & altre loro religiose osservanze. Quivi era ne’ tempi antichi un’Amfiteatro per gli spettacoli del popolo, del quale benche hoggi niuna parte ne comparisca, pure frà le cose guaste, e rovinate ne compariscono alcuni segni. Testimonio ne fa un marmo antico, ritrovato sotterra, se ben spezzato, e lacero,che gli anni à dietro conservava appresso di sé con molt’altre cose antiche, degne da vedersi, Ottavio Scalfo Medico in questa Città, e Filosofo singolarissimo, honor di questa Provincia: hoggi si conserva in casa di Giovanna Paladini che fù moglie di D. Vittorio Prioli, gentil’huomo Leccese, Conte Palatino, & à suoi tempi diligente investigatore delle cose antiche, il cui principio è questo

  9. Massimo Penna ha detto:

    Volentieri commento il testo di questa epigrafe augurandomi, con la sua traduzione, di non essermi ‘troppo’ discostato dal suo significato reale.
    Pertanto qui sotto, seguendo l’ardita ricostruzione, tento di restituire il senso dell’epigrafe.
    .
    “OTACILIA di M(arco) F(iglia) SECUNDILLA
    (Questo) ANFITEATRO
    IN ONORE DEL PATRONO (quali)
    ONORI CONCESSI AL POPOLO E AI DECURIONI
    (di) SECUNDILLA di C(neo) POMPONIO MOGLIE
    (innumerevoli) (i)N PERPETUO (questi siano)”.
    .
    Ipotesi di traduzione di Massimo Penna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*